Skip to content

Category: Technology & Research

NoisyVision: trekking e escursioni accessibili ai ciechi e ipovedenti.

Posted in Technology & Research

A partire dal 2016, con la realizzazione del trekking “Anche Agli Dei Piace Giallo”, di cui puoi vedere il docufilm qui, NoisyVision ha cominciato a farsi conoscere in Italia (e non solo) come una delle associazioni che propongono itinerari accessibili per ipovedenti e non vedenti.
In quell’occasione un gruppo misto di 12 persone cieche, ipovedenti e altre senza disabilità è partito da Bologna per arrivare a Firenze, in sette giorni.  Le diversità non erano solo legate ai diversi livelli di visione, ma anche alla provenienza geografica, che copriva molti Paesi d’Europa.
In seguito a quella riuscitissima iniziativa abbiamo continuato a proporre itinerari accessibili, sia lungo al Via degli Dei, che su altri sentieri.
Dalla collaborazione con Appennino Slow (Tour Operator specializzato sulla Via degli Dei. Trekking in Appennino, individuali e di gruppo con guida) è nato il progetto “In Montagna SIamo Tutti Uguali” che nel 2018 e 2019 ha visto moltissimi partecipanti camminare sugli Appennini.

Con l’idea di offrire programmi sempre più diversificati, in termini di costi, livello di difficoltà, area geografica, le gite accessibili che NoisyVision offre spaziano ora su diverse zone del Nord e Centro Italia, ma non tarderemo ad arrivare anche al Sud.
A Torino abbiamo visitato mostre, musei e progetti ad impatto sociale, a Modena e a Bologna sono numerose le uscite offerte con il progetto Passi Gialli, escursioni sensoriali nella natura, ecologiche, aperte a tutti e progettate anche per camminatori con disabilità visiva.
In Toscana, invece, sono state due le edizioni di “Anche Agli Asini Piace Giallo” (docufilm qui), un percorso che unisce Cascina (PI) a Rosignano Marittimo (LI) lungo l’antica via di transumanza. Il progetto ha ottenuto il prestigioso Premio Turismi Accessibili 2019, patrocinato anche dalla Presidenza della Repubblica Italiana. Come si può intuire dal titolo del progetto in questo caso i protagonisti erano gli asini che hanno accompagnato il gruppo integrato di disabili e non disabili per quattro giorni.

Tales in Sombre Tones: an accessible art show.

Posted in Technology & Research

Tales in Sombre Tones is an exciting new touring show with the specific aim of opening up art and literature for all. The public events are free and in addition to the artwork of UK artist Karen Ruffles of Drawing in Dark, feature short story readings by American author Sean Walter from their illustrated anthology of the same name.

(Italiano) Tra Nettuno e Venere: pensieri dal molo

Posted in Technology & Research

Tra Nettuno e Venere: pensieri dal molo
Nettuno è il potente e iroso Dio del Mare, signore degli abissi e governatore delle pulsioni profonde. Venere governa le relazioni, spinge ad amare e a cercare la bellezza e l’armonia. A poche ore dalla partenza di questa magica esperienza in barca a vela a bordo di Adriatica per il progettto “Anche a Nettuno Piace Giallo”, Nadia Luppi condivide i suoi pensieri e le sue emozioni ora che stiamo per lasciare gli ormeggi.
Mancano poche ore alla partenza di questo viaggio in barca a vela. E una domanda mi frulla in testa: Come mi è saltato in mente?
“Sarà rilassante, stanne certa: spazi stretti, ostacoli e impicci velici da memorizzare e evitare, e sotto i piedi neanche la terra a cui hai imparato a radicarti. Sì sì, questo è fiuto per una vacanza riposante! In tutto questo c’è da sperare che tu non senta troppo il mal di mare, visto che te la cavi bene in traghetto, in motoscafo, in canoa, in canotto e ti sei divertita anche sulla moto d’acqua, ma diciamocelo, in barca a vela non ci sei mai stata”.
Eccoli i pensieri-birba di questi giorni. Quella parte di me che è abitata dal dubbio, dalle paure, dalla pigrizia che vorrebbe tenermi legata alla zona di confort e si chiede: “Ma chi me lo fa fare?” E d’altronde non posso fare finta di niente perché se i pensieri-birba si presentano, vanno accolti e ascoltati, non nascosti sotto il tappeto, il telo da mare o sotterrati con la sabbia. Quei pensieri-birba parlano di me: mi ricordano che dovrò fare attenzione alle mie energie e ai miei bisogni, e che anche stavolta sarà inutile fingere che vada tutto bene e niente mi spaventa. Se prima di partire per il cammino lungo la Via degli Dei temevo di non essere abbastanza forte per arrivare a Firenze, ora temo di non reggere a sufficienza per arrivare all’Elba. Se prima della Via degli Dei temevo di poter cadere in un crepaccio, oggi mi preoccupano la luce forte sulla barca, l’autonomia da rimodulare, l’aiuto da chiedere, le piccole cose e anche il mal di mare, oltre alla questione della convivenza stretta.
Già, la convivenza. Una barca, 12 persone di cui 8 con disabilità visiva, ognuno con le sue particolarità e bisogni, tutti insieme per sette giorni senza alcuna possibilità di scampare a sé stessi e agli altri. Specchi potenti che scatteranno, atteggiamenti che ci faranno sentire compresi o fraintesi, contatti in cui sentirsi a proprio agio, altri che ci faranno sorridere o potrebbero annoiarci o irritarci un po’. Dinamiche relazionali sicuramente interessanti, curiose, certamente con un quid da gestire. Le relazioni sono il mio mestiere e il mio più appassionato campo di ricerca, e in questi ann idi studio e formazione ho messo insieme competenze e strumenti per leggerle, gestirle, viverle al mio meglio. Ho imparato a orientarmi negli specchi di quel caleidoscopio che è una vita relazionale vissuta a pieno. Ho compreso come godere delle emozioni grandi che regala il dono dell’empatia ma ho dovuto imparare anche a tenerne in attenzione l’impatto sul mio equilibrio. E al di là della vita professionale, per quanto da un lato io sia morbida e accogliente, non sono di facile gestione e ho un profondo bisogno di silenzio e solitudine. E così i miei pensieri-birba ridacchiano “Un gran bell’affare Nadia Luppi… tanto più che il tuo attuale impiego e tutti i tuoi progetti richiedono una quantità importante di energia relazionale e di cura… Si si, rilassati!”.
Tuttavia mi conosco e so che per quanto una parte di me ama la quiete del divano e della lettura, le situazioni silenziose e tranquille, ce n’è un’altra che di stare nella zona di confort non ne ha voglia e spinge per specchiarsi e riconoscersi in situazioni nuove. Le sfide relazionali connesse a questo viaggio si intrecciano col piacere di condividere tempo e bellezza con anime e cuori a cui sono già legata, e anche per questo sono state determinanti nella decisione di partire.
Mentre scrivo si fanno più chiare le voci dentro di me. Distinguo le emozioni di segno opposto che convivono e i pensieri ad esse legati. Ma nonostante questo resta una sorta di inquietudine, un sottofondo che assomiglia al nodo in gola ma non stringe, solo accarezza. Cos’è?
Cosa vuole dirmi questo delicato groppo alla gola? Cosa davvero mi spaventa e mi preoccupa? Chiudo gli occhi e cerco di immaginare il non immaginabile. Per una settimana chiameremo casa qualcosa che galleggia e dondola sull’acqua. Come sarà essere a casa su qualcosa che non dà la sensazione di stabilità della terra? Mi ritorna alla mente lo smarrimento del terremoto qui in Emilia. La stessa terra che ti ha sostenuto, ti si muove sotto i piedi e ti scuote vita e viscere. E poi ripenso al mare, a quel fratello blu che cerco sempre, che riesce a farmi piangere e a calmarmi quando lo guardo dalla spiaggia o quando lo ammiro da lontano, mentre si fonde nel cielo arancione del tramonto. Ripenso alla gioia di un tuffo e all’inevitabile brivido che lo accompagna. Penso all’onda che non vedo arrivare e al vento.
Già, il vento. Lo sanno tutti: ai Modenesi il vento non piace troppo. Non ci siamo abituati qui nella nostra pianura. Ci piace la brezza, ma soffriamo di emicrania e ci infastidiamo se il bento diventa più forte. Personalmente non ho un rapporto stretto col vento, ma ho sempre notato che dopo un po’ mi inquieta. E’ come se mi rimescolasse i pensieri, come se sparigliasse le carte del mio gioco. Mi destabilizza. Non è sempre un male, certo, ma è un altro fattore da tenere in attenzione.
Continuo a immaginare. Il tramonto, tutt’intorno acqua, e poi la cabina stretta e gli spigoli. Mi si incrociano immagini di onde e la sensazione di un rollio che ricordo ma che non so come mi farà sentire ora. E perdendomi nelle immagini di un futuro che è già qui, fantastico un po’ nelle metafore di un viaggio che sento sarà un viaggio anche interiore oltre che fisico tra le meraviglie del Tirreno.
La vita ci manda i segnali, l’Universo ci parla attraverso le sue metafore, e se guardiamo da vicino quel che accade dentro di noi, ricordandoci che per la logica dello specchio “Così fuori così dentro£”, allora è bello soffermarsi e prendere contatto con qualche consapevolezza in più.
Cosa accadrà quando sarà la barca a essere casa? Cosa sentirò quando sarà solo il vento che di solito mi scompiglia capelli e pensieri, a spingermi avanti? Come sarà vivere momento per momento e affidarsi al vento, al mare e a chi non li governa ma li conosce bene? Cosa sentirò navigando sull’acqua, che è il mio elemento, che è metafora delle emozioni? Cosa imparerò e cosa dimenticherò in un tramonto o in una notte di stelle? Cosa lascerò andare e cosa vorrò tenere nella mia vita quando tutto sembrerà superfluo? Quali luci e quali ombre in me e negli specchi che avrò davanti?
La terra si farà meta, il mare casa.
E’ un brivido.
Sorrido.
Si parte.
Nadia